Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 


 


Ai Testimoni di Geova proibito riunirsi e pregare

Il governo revoca loro l’autorizzazione e il culto è ora illegale nell’intero Paese. Sono accusati di avere fatta propaganda “illecita” distribuendo opuscoli. C’è timore nelle comunità, perché prima le autorità hanno schedato i loro nomi, le attività e i luoghi di incontro.



Dushanbe (AsiaNews/F18) – Il ministro della Cultura Mirzoshorukh Asrori ha revocato l’11 ottobre il riconoscimento ai Testimoni di Geova e ogni loro attività è ora illegale in Tagikistan. "Le autorità – racconta un Testimone sconcertato all’agenzia Forum 18 – ci hanno solo comunicato il divieto e di cessare ogni attività".

Saidbek Mahmudolloev, dirigente del Dipartimento affari religiosi presso il ministero della Cultura, conferma che "il divieto è definitivo" e spiega che i Testimoni sono biasimati perché rifiutano di prestare servizio militare e perché hanno fatto propaganda religiosa "in luoghi pubblici, distribuendo – come dice l’ordinanza di bando - opuscoli di propaganda della loro fede", "cosa che la legge vieta".

Ora i Testimoni vogliono chiedere al presidente Emomali Rahmon e al primo ministro Okil Okilov la revoca del bando, per potersi riunire per pregare e leggere la Bibbia come è loro diritto costituzionale. Osservano che ogni loro attività era nota alle autorità quando li hanno riconosciuti nel 1997, che nel Paese hanno circa 600 fedeli divisi in 8 congregazioni e che proprio pochi giorni prima del divieto a Tursunzade, al confine con l’Uzbekistan, è stata approvata la nuova sala riunioni, unico loro luogo religioso riconosciuto nello Stato.

Ma fonti locali spiegano che è in atto un’operazione per ostacolare i gruppi religiosi più indipendenti dallo Stato: nel 2007 le autorità hanno monitorato con attenzione tutti i gruppi, obbligandoli a produrre l’elenco dei fedeli e delle attività e l’indicazione dei luoghi di incontro. Osservano che da alcuni anni è sempre più difficile praticare la propria religione nel Paese e che sono state chiuse moschee non autorizzate e indipendenti dal consiglio degli Ulema, che ha forti collegamenti con le autorità.


{Note a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova.net}



    Rapporto dall'annuario 2007:

    Tagikistan:

    Popolazione: 7.321.000
    Proclamatori: 544
    1 Proclamatore su: 13.458
    2006 Media Proclamatori: 487
    Percentuale d'aumento: 4%
    Battezzati anno 2006: 39
    Numero di congregazioni: 7
    Media Studi biblici: 599
    Presenti Commemorazione: 1.317

fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito Asia News, in data 22 ottobre 2007, rubrica Asia Centrale, sezione Tagikistan (www.asianews.it)