Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Il governo della Corea promette di adottare un sistema di servizio civile alternativo per gli obiettori di coscienza



SEUL - Il governo della Corea del Sud ha annunciato un programma per dare agli obiettori di coscienza un'opportunità di partecipare al servizio civile alternativo. Il programma prevede tre anni di servizio civile che non è in alcun modo connesso con quello militare. Saranno prima necessari dei cambiamenti alla legislazione per implementare il programma, che è stato annunciato il 18 settembre 2007.

Questi sviluppi sono il primo passo verso la risoluzione del problema che migliaia di giovani coreani hanno affrontato nei passati 68 anni. Dalla fondazione della Repubblica Coreana gli obiettori di coscienza non hanno mai avuto alternative all'imprigionamento come criminali.

Jeong, Woon-young, portavoce dei Testimoni di Geova in Corea, ha commentato al riguardo: Gioisco a questo progresso insieme a più di 12.000 altri che hanno sopportato la penalizzazione della condanna come criminali per la nostra posizione di coscienza. Ora attendiamo con trepidazione la realizzazione a breve, di queste legislazioni.

Il Comitato per i Diritti umani delle Nazioni Unite ha già mostrato come la Corea stia violando il Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici (ICCPR). Inoltre, dopo aver valutato il caso di due obiettori di coscienza che hanno passato il loro periodo di detenzione, il comitato ha chiesto alla Corea un rimborso per i due uomini. Si spera che la legislatura coreana promuova leggi in armonia con l?'articolo 6 della Costituzione, che impone alla Corea di osservare i trattati internazionali.

Jeong resta cautamente ottimista: "Una volta implementate le nuove leggi la Corea potrebbe tenere il passo con altri paesi che proteggono la libertà religiosa e di coscienza. Questa decisione di rendere disponibile il servizio civile è un'eccellente opportunità per tutti i cittadini di amare il prossimo come loro stessi".



Contatti per i media coreani: Public Information Desk +82 31 618 0033
Contatti per i media americani e altri: J.R. Brown (718) 560-5600



{Note a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova.net}




La penisola coreana si estende verso l'arcipelago giapponese, e chiude a Sud-Ovest il grande bacino del Mar del Giappone, divisa fra la Corea del Nord e la Corea del Sud, due nazioni diversissime e a lungo molto ostili.
Si considera un paese singolo, nonostante le divisioni politiche.
La Corea del Nord condivide con la Corea del Sud una forte eredità buddista e confuciana oltre a una storia recente di movimenti cristiani e Chondogyo.


    Rapporto dall'annuario 2007:


    Repubblica di Corea :

    Popolazione: 48.539.493
    Proclamatori: 93.230
    1 Proclamatore su: 521
    2006 Media Proclamatori: 92.541
    Percentuale d'aumento: 1%
    Battezzati anno 2006: 2.667
    Numero di congregazioni: 1.404
    Media Studi biblici: 61.359
    Presenti Commemorazione: 141.660



fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito ufficiale delle Pubbliche Relazioni dei Testimoni di Geova, JW-Media.org, in data 4 ottobre 2007 (http://www.jw-media.org).

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net