Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Ex mafioso cambia vita e diventa testimone di Geova

L'uomo, un trentenne di Vignola che ha scontato a Modena una condanna per associazione mafiosa e spaccio di droga, sabato, presso la piscina della Sala Assemblee dei Testimoni di Geova di Imola, sarà battezzato



Modena, 3 gennaio 2008 - Un ex detenuto ha deciso di dare una svolta alla propria vita e, sabato, si battezzerà come testimone di Geova. Si tratta di un trentenne di Vignola che ha scontato a Modena una condanna per associazione mafiosa e spaccio di droga. Il battesimo, che si terrà sabato nella piscina della Sala delle Assemblee dei Testimoni di Geova di Imola, davanti ad un uditorio di circa 700 persone, sarà preceduto da un discorso pronunciato da un rappresentante dei Testimoni di Geova.

L'avvicinamento alla fede sarebbe avvenuto in carcere. Mentre si trovava in cella d'isolamento l'uomo chiese una copia della Bibbia, e iniziò a leggerla rimanendo articolarmente colpito dai Salmi. Poi ha fatto domanda per essere visitato in carcere da un Ministro di culto dei Testimoni di Geova, iniziando così degli incontri per studiare la Bibbia con lui. Da lì ha cambiato vita.

Fonte



**********************


Ex mafioso 'illuminato' diventa Testimone di Geova

Un trentenne di Vignola ha deciso di dare una svolta alla propria esistenza e riceverà il battesimo



Esempio di battesimo per diventare Testimone di Geova



MODENA (4 gen. 2008) - Dopo aver scontato una condanna per associazione mafiosa e spaccio di droga nel carcere di Modena, un 30enne di Vignola (MO), che chiameremo Alessandro, decide di dare una svolta alla propria vita, abbandonando lo stile di vita precedente e battezzandosi come testimone di Geova per immersione completa in acqua.

Il battesimo avrà luogo sabato 5 gennaio, alle ore 12,00 circa, nella piscina situata all’interno della Sala delle Assemblee dei Testimoni di Geova di Imola (via Pastore n. 1), davanti ad un uditorio di circa 700 persone.

Il battesimo sarà preceduto da un discorso pronunciato da un rappresentante dei Testimoni di Geova. Al termine del discorso rivolgerà ad Alessandro e ad altri battezzandi due domande per confermare la loro decisione di diventare ufficialmente un Testimone di Geova; dopo di che avverrà l’immersione completa in acqua.

L’avvicinamento alla fede di Alessandro è avvenuto in carcere. Mentre si trovava in cella d’isolamento Alessandro ha chiesto una copia della Bibbia, e ha iniziato a leggerla rimanendo particolarmente colpito dai Salmi. Deciso a mettere a posto la sua coscienza e la sua relazione con Dio, cambia attitudine mentale: prima aveva il denaro come scopo principale della sua vita, col tempo invece ha sviluppato sempre di più il desiderio di mettere al primo posto la volontà di Dio. “Leggendo la Bibbia”, - confessa Alessandro – “ho appreso che Dio è amore e che Egli è pronto a perdonare quelli che sono sinceramente pentiti; così ho provato un profondo rimorso per quanto avevo fatto nel passato e piangendo ho chiesto a Dio di perdonarmi e dimenticare i miei peccati”.

In carcere Alessandro ha fatto domanda per essere visitato da un Ministro di culto dei Testimoni di Geova, iniziando così degli incontri per studiare la Bibbia con lui. Il suo nuovo comportamento non è passato inosservato sia agli altri detenuti che alle autorità giudiziarie. Tutti sono rimasti stupiti della sua gentilezza, disponibilità e onestà, una condotta del tutto diversa da quella che aveva un tempo. Ad essere colpito del cambiamento di Alessandro è stato soprattutto il suo compagno di cella, che a sua volta ha chiesto di studiare la Bibbia con un Ministro di culto dei Testimoni di Geova, e, benché sia ancora rinchiuso nel carcere di Modena, ha già espresso il desiderio di battezzarsi presto per diventare anche lui un Testimone. Man mano che Alessandro ha migliorato il suo comportamento mentre era in carcere, le autorità gli hanno dato anche la possibilità di avere dei permessi, nonostante fosse rinchiuso nel settore di Alta Sicurezza.

Qualche mese fa Alessandro è uscito dal carcere e ora è felice e sereno perché si sente una persona migliore, senza i sensi di colpa di un tempo. Ha un lavoro onesto, ha riacquistato la stima degli altri, è sposato con un figlio e la sua famiglia è più unita di una volta.

Nel penitenziario di Modena 4 detenuti si incontrano regolarmente con un Ministro di culto dei Testimoni. In provincia di Modena ci sono attualmente 3 Ministri di culto, circa 40 in tutta l’Emilia Romagna. In tutta Italia operano 464 (di cui 70 donne) Ministri di culto dei Testimoni di Geova autorizzati dallo Stato Italiano a prestare assistenza spirituale nei 200 istituti penitenziari presenti sul territorio nazionale.

Grazie all’opera di evangelizzazione dei Testimoni di Geova compiuta all’interno e all’esterno dei penitenziari, solo in Italia oltre 1.600 persone che hanno avuto problemi con la giustizia sono state del tutto recuperate. Alcuni un tempo erano ladri, spacciatori di droga, assassini e perfino terroristi; tutti questi ora hanno un lavoro e una famiglia, e conducono una vita rispettabile.
E’ dal 1976 che i Testimoni di Geova hanno dei Ministri di culto che visitano i detenuti, in virtù del primo riconoscimento governativo ottenuto nel nostro paese. Tra l’altro questi Ministri svolgono quest’opera gratuitamente, affrontando personalmente tutte le spese. Rifiutano anche il compenso che viene dato in genere ai ministri di altre religioni che visitano i penitenziari. I Ministri di culto dei Testimoni di Geova non chiedono alcuna somma di denaro anche quando celebrano matrimoni, funerali o conducono qualsiasi altra funzione religiosa, perché lavorano e possono avere una famiglia come tutti gli altri fedeli.

Fonte





L'articolo "Ex mafioso cambia vita e diventa testimone di Geova" è stato pubblicato sul sito del quotidiano Il Resto del Carlino, in data 3 gennaio 2008, sezione Modena (http://ilrestodelcarlino.quotidiano.net)

L'articolo "Ex mafioso 'illuminato' diventa Testimone di Geova" è stato pubblicato sul sito Emilianet in data 4 gennaio 2008, sezione Modena (http://www.emilianet.it)