Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Trattamento a base di emoglobina raffimer in seguito a grave anemia post-operatoria ad una Testimone di Geova

Lanzinger MJ, Niklason LE, Shannon M, Hill SE
Reparto di Anestesiologia, Box 3094, Duke University Medical Center, Durham, NC 27710, U.S.A.


SCOPO: Descrivere il trattamento ben riuscito di acuta, grave anemia post-operatoria, a base dell'agente terapeutico ossigenante, ovvero emoglobina (Hb) raffimer.

CARATTERISTICHE CLINICHE: Una donna testimone di Geova 53enne sviluppava una grave anemia in seguito ad una operazione di trapianto all'anca. Secondo le volontà delle paziente, cellule di sangue intero non dovevano essere trasfuse. Tachicardia, ipertensione, anomalie elettrocardiografiche e disturbi mentali hanno reso necessaria una prima bassa concentrazione di emoglobina pari a 3.2 g/dl. L'emoglobina raffimer è una soluzione purificata, cross-linked, emoglobina per uso umano sviluppata come sostituto dell'emoglobina dei globuli rossi del sangue. Dopo aver ottenuto il consenso informato come anche approvato dalla Food and Drug Administration and Institutional Review Board per gli usi consentiti, sono stati somministrati 2 litri di emoglobina raffimer (Hemolinktrade mark, Hemosol, Inc., Toronto, ON, Canada) con l'aggiunta di solfato ferroso ed eritropoietina. Il livello di emoglobina della paziente è aumentato a 5.5 g/dl con la risoluzione dei sintomi precedenti. Per permettere il recupero della massa di globuli rossi circolante, mentre il livello di emoglobina scendeva ai 4.5 g/dl, sono state date dosi supplementari da 1000 ml di emoglobina raffimer nel terzo, quinto e settimo giorno dopo l'operazione (dose totale = 500 g di Hb). La paziente non ha subito alcun effetto negativo successivo al trattamento con emoglobina raffimer. Al giorno post-operatorio numero 14, il livello di emoglobina della paziente è aumentato a 6.5 g/dl con un livello di ematocrito pari al 23%. La paziente è stata dimessa.

CONCLUSIONI: L'uso di emoglobina raffimer come rimedio ponte per i pazienti che non desiderano la somministrazione di sangue non ha rivelato alcun risultato clinico negativo. Dato che questo prodotto è una soluzione di emoglobina raffinata e priva di altri componenti cellulari del sangue, può essere accettata come terapia da pazienti che, a motivo di convinzioni religiose, rifiutano le trasfusioni allogeniche di sangue e dei suoi componenti principali.



fonte