Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Palermo: Testimone di Geova ucciso, si segue pista rapina



Palermo, 5 apr. - (Adnkronos) - Una rapina finita nel sangue. E' questa l'ipotesi piu' accreditata dagli investigatori per spiegare l'omicidio di Gaetano Tusa, il pensionato di 74 anni testimone di Geova, il cui corpo senza vita e' stato trovato stamani in un garage in via Cruillas, a Palermo.

Secondo i primi accertamenti eseguiti dal medico legale Tusa e' stato ucciso ieri sera. A fare la macabra scoperta stamani alle nove sono stati alcuni suoi compagni di religione, che intorno alle nove si sono recati nel suo appartamento dove doveva aver luogo una riunione. Tusa era riverso a terra in una pozza di sangue con il cranio fracassato.

Immediatamente e' scattato l'allarme e sul posto sono giunti i carabinieri della Compagnia San Lorenzo e del Nucleo radiomobile, che hanno chiuso al traffico la strada e allontanato i curiosi. La sua abitazione, posta appena sopra il garage al primo piano dello stabile, era a soqquadro, anche se non si sa ancora se sia stato portato via qualcosa. Per gli investigatori la pista da battere e' quella di una rapina finita nel sangue e di un omicidio non premeditato, ipotesi confermata dalla presenza di molto sangue sparso per casa. Esclusa, al momento, la matrice mafiosa. Tusa, infatti, era incensurato. Non aveva ne' moglie ne' figli. Unico legame affettivo la sorella, ultrasettantenne come lui, e i nipoti.

La gente del quartiere lo descrive come una persona affabile e cordiale, molto conosciuta perche' predicava porta a porta. Per tutto il giorno sono stati ascoltati amici e vicini di casa, oltre ad alcuni pregiudicati della zona, mentre sembra che non sia stata ancora trovata l'arma del delitto, una spranga di ferro o una chiave inglese. Lunedi', intanto, e' stata disposta l'autopsia, che sara' eseguita all'Istituto di Medicina legale del Policlinico.




fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito Metropolis Palermo, in data 05 Aprile 2008, rubrica News dal Territorio, sezione Provincia di Palermo (http://palermo.metropolisinfo.it)