Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Chirurgia della scoliosi subita da un bambino Testimone di Geova affetto da emofilia B e con gli inibitori del fattore IX



Chau A., Wu J., Ansermino M., Tredwell S., Purdy R.

Facoltà di Medicina, University of British Columbia, British Columbia Children's Hospital, Vancouver, British Columbia, Canada.



OBIETTIVO: Descrivere la gestione emostatica preoperatoria avvenuta con successo di un paziente Testimone di Geova con emofilia B ed inibitori anafilattici del fattore IX, sottoposto ad un’operazione alla scoliosi.
CARATTERISTICHE CLINICHE: E’ stato previsto che un ragazzo di 14 anni e mezzo con grave emofilia B, il quale aveva una storia di inibitori anafilattici del fattore IX, si sottoponga ad un’operazione correttiva della scoliosi. Si è inizialmente partiti con l’epoetina alfa e con l’integrazione di ferro per massimizzare la massa preoperatoria di globuli rossi. Ulteriormente, è stato individuato un protocollo di desensitizzazione del fattore IX di coagulazione ricombinante (rFIX) e successivamente è stato curato con il fattore VII di coagulazione ricombinante (rFVIIa) durante il periodo postoperatorio. E’ stato somministrato in concomitanza acido tranexamico. La perdita di sangue intraoperatoria è stata approssimativamente di 350 ml. La concentrazione dei nadir dell’emoglobina è stata 111 g.L(-1) nei giorni postoperatori n. 1 e n. 2. Il giorno postoperatorio n. 11, il paziente è stato stabile ed è stato rimandato a casa con l’emoglobina di 138 g.L(-1). Non è stata richiesta alcuna trasfusione di sangue e nessuna eventualità avversa è stata osservata.
CONCLUSIONI: L’utilizzo di rFIX, rFVIIa, eritropoetina, ferro, e di acido tranexamico prima, durante e dopo l’operazione alla scoliosi potrebbe essere una opzione fattibile e sicura per i pazienti emofiliaci con inibitori, i quali rifiutano i prodotti del sangue.


PMID: 18166748 [PubMed – indicizzato per MEDLINE]



fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito "PubMed" nel mese di gennaio 2008, con i seguenti riferimenti: Can J Anaesth. 2008 Jan; 55(1):47-51. (http://www.ncbi.nlm.nih.gov)

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net