Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Una mostra per ricordare gli orrori del Nazismo

La persecuzione nazista sulle minoranze religiose

21/04/2008 - L’evento è molto conosciuto per il grande rilievo che gli viene dato perché non si dimentichi uno dei più grandi crimini della storia umana. Ma quello che può essere considerato un risvolto dai particolari non sempre noti a tutti è la persecuzione delle minoranze religiose ad opera dei nazisti e il significato che questa assume nel caso particolare dei Testimoni di Geova.

Per far conoscere alcuni particolari interessanti della triste vicenda storica è stata allestita presso la Sala delle Assemblee dei Testimoni di Geova di Forchia (via Rella, Forchia - BN) una mostra che ripercorrerà gli eventi in maniera cronologica e darà interessanti spunti di riflessione. L’appuntamento è per i giorni 26 e 27 aprile 2008, dalle ore 9,00 in poi. L’ingresso è gratuito e non si fanno collette.

Come si evince dalle loro riviste, i Testimoni furono il primo gruppo religioso a denunciare a gran voce la barbarie nazista, pubblicando perfino disegni delle strutture dei campi di concentramento in funzione negli anni 30. A differenza di altri internati per motivi raziali o ideologici, i testimoni di Geova potevano scegliere di sottrarsi in qualunque momento alle atrocità del Regime, firmando un documento che esprimeva un chiaro diniego delle loro ferme convinzioni religiose.

Il Regime nazista si accanì particolarmente verso coloro che considerava una minaccia sebbene costituissero solo una minoranza religiosa. Era una battaglia per lo spirito. Ma i Testimoni di Geova non avrebbero mai rinnegato la loro fede, a costo della loro stessa vita.


di Raffaele Borrelli


Per informazioni rivolgersi a Raffaele Borrelli
Ufficio Relazioni pubbliche dei Testimoni di Geova Zona "Campania 16"
333-9902904
watchtower.org
jw-media.org



fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito "Comunicati-stampa", rubrica "news", in data 21 aprile 2008, da parte di Raffaele Borrelli - "Ufficio Relazioni Pubbliche dei Testimoni di Geova". (www.comunicati-stampa.net)