Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Trapianto autologo di cellule staminali del sangue periferico avvenuto con successo in un Testimone di Geova con mieloma multiplo: esame della letteratura medica e raccomandazioni per chemioterapia ad alta dose senza il sostegno di prodotti ematici allogenici



Schmitt S., Mailaender V., Egerer G., Leo A., Becker S., Reinhardt P., Wiesneth M., Schrezenmeier H., Ho A.D., Goldschmidt H., Moehler T.M.

Dipartimento di Medicina V (Ematologia/Oncologia/Reumatologia), Università di Heidelberg, Im Neuenheimer Feld 410, 69120, Heidelberg, Germania, stefan.schmitt@med.uni-heidelberg.de.



Presentiamo un caso che riporta il successo di una terapia ad alta dose di melphalan e un trapianto autologo di cellule staminali senza l’utilizzo di prodotti ematici allogenici in un paziente di 70 anni che soffriva di mieloma multiplo.

Basandoci sull’esperienza di questo caso e di un’approfondita valutazione della letteratura medica, consideriamo il livello pre-trapianto di emoglobina di 11-12 g/dl, il conteggio delle piastrine più alto di 70/nl, il criterio OMS ottimale di prestazione pari a due o meno ed il consenso informato come importanti criteri di eligibilità.

Durante la citopenia sono raccomandate misure di sostegno che includono il supporto del fattore di crescita con eritropoietina e G-CSF, trattamento con ferro come pure l’uso profilattico degli agenti antifibrinolitici.

Parliamo anche di opzioni aggiuntive che potrebbero essere considerate dipendenti da fattori individuali, come per esempio la conservazione pre-trapianto e la crioconservazione di concentrati piastrinici autologhi.

Inoltre, viene presentata un’analisi delle argomentazioni socio-economiche che riguardano questa procedura.

Concludiamo che il trapianto senza l’utilizzo di prodotti ematici è una procedura fattibile che può essere offerta ai pazienti che appartengono a gruppi religiosi distinti i quali rifiutano i prodotti ematici allogenici, come i Testimoni di Geova, ed a pazienti che presentano altre controindicazioni alle trasfusioni.


PMID: 18317881 [PubMed - in lavorazione]



fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito "NCBI PubMed", nel mese di aprile 2008 con i seguenti riferimenti: Int J Hematol. 2008 Apr; 87(3):289-97. Epub 2008 Mar 4. (http://www.ncbi.nlm.nih.gov)

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net