Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Azerbaigian: Rilasciato il prigioniero obiettore di coscienza



Di Felix Corley, Servizio Notizie del Forum 18




L’Azerbaigian ha rilasciato un prigioniero obiettore di coscienza Testimone di Geova, Samir Huseynov, come appreso dal Servizio Notizie del Forum 18. Huseynov è stato rilasciato dal carcere il 1° maggio, nonostante fosse stato respinto il suo appello contro la sua condanna. "Il motivo non mi è stato chiarito, ora ho la fedina penale macchiata", ha denunciato Huseynov. "Se volessi ottenere un lavoro, qualsiasi datore di lavoro verrà a sapere ciò e mi tratterà con maggiore cautela". Ha insistito nel dire che "lo stato non aveva il diritto al cento per cento di mettermi in prigione", dicendo al Forum 18 che "ho diritti garantiti sotto la Convenzione Europea dei Diritti Umani". I Testimoni di Geova dichiarano che nessun altro dei loro giovani sta affrontando procedimenti penali per il rifiuto del servizio militare obbligatorio per motivi religiosi, sebbene diversi quest’anno siano stati trattati male dagli uffici militari di leva. Quando è entrato nel Consiglio d’Europa nel 2001, l’Azerbaigian aveva promesso di introdurre una Legge sul Servizio Alternativo dal gennaio 2003. Ma ciò non è stato fatto. Un funzionario ha dichiarato che una Legge sul Servizio Alternativo "sarà adottata quest’anno".


L’obiettore di coscienza Testimone di Geova Samir Huseynov è stato rilasciato dalla prigione il 1° maggio, nonostante il fallimento del suo appello contro la sua condanna, così come da lui riferito al Servizio Notizie del Forum 18 il 14 maggio. Ora torna a casa sua nel villaggio di Dalmamedli vicino alla città di Gyanja [Gäncä] nell’Azerbaigian occidentale. "Il motivo non mi è stato chiarito, ora ho la fedina penale macchiata", ha denunciato Huseynov. "Se volessi ottenere un lavoro, qualsiasi datore di lavoro verrà a sapere ciò e mi tratterà con maggiore cautela". Ha insistito nel dire che non sarebbe mai dovuto essere imprigionato per il rifiuto di svolgere il servizio militare obbligatorio. "Lo stato non aveva il diritto al cento per cento di mettermi in prigione", ha detto al Forum 18. "Ho diritti garantiti sotto la Convenzione Europea dei Diritti Umani".

I Testimoni di Geova dicono che nessun altro dei loro giovani sta attualmente affrontando procedimenti penali per il rifiuto del servizio militare, sebbene diversi quest’anno siano stati convocati dagli Uffici Militari di Leva e maltrattati dopo aver dichiarato che non avrebbero servito nelle forze armate a motivo della loro fede religiosa.

L’Azerbaigian si era impegnato ad introdurre una Legge sul Servizio Alternativo dal gennaio 2003 nel momento in cui era entrato nel Consiglio d’Europa nel 2001, ma ha trascurato di farlo. Un funzionario parlamentare dice che un disegno di Legge sul Servizio Alternativo sarà presentato in parlamento.

"Il disegno di Legge non è stato ancora presentato in parlamento", ha detto Jeyhun Garajaev, un esperto della Commissione Permanente sulle Politiche Legali e sulle Strutture Statali, al Forum 18 da Baku il 14 maggio. "Ma i nostri responsabili hanno detto che sono pronti ad adottare questa legge che è ad una fase decisiva. Sarà adottata quest’anno". Inizialmente ha detto che il disegno sta per essere preparato dall’Amministrazione Presidenziale, ma ha aggiunto che potrebbe essere preparato da un gruppo di deputati parlamentari.

Garajaev ha ripetutamente rifiutato di ammettere che la sua nazione è venuta meno ai suoi obblighi al Consiglio d’Europa di adottare questa legge. Tuttavia, ha dichiarato che ciò era "collegato a condizioni obiettive", un riferimento al conflitto irrisolto con l’Armenia su Nagorno-Karabakh.

Garajaev ha detto che il disegno di Legge è ancora in “fase di lavoro” ma si aspetta che sia presentato durante la sessione primaverile del parlamento, la quale termina alla fine di maggio. Ha detto che il disegno sarà prima presentato ad una delle commissioni del parlamento, probabilmente alla Commissione sulle Politiche Legali. Ha dichiarato che il testo sarà pubblicato sul sito web del parlamento perfino prima che sia considerato dalla Commissione.

Garajaev ha contraddetto Safa Mirzoev, il capo dell’Amministrazione Parlamentare, il quale ha riferito all’Agenzia Trend News, mentre parlava ai giornalisti il 2 maggio, che il disegno di Legge sarebbe stato adottato alla sessione primaverile. Mirzoev ha dichiarato che il disegno di Legge è stato approvato dalle "organizzazioni internazionali", di cui l’agenzia non ha fatto il nome. L’agenzia ha rilevato che non tutti i deputati del parlamento hanno sostenuto l’idea di introdurre un servizio alternativo. Forum 18 non è stato in grado di raggiungere Mirzoev il 14 maggio.

Un attivista per i diritti umani ha protestato contro la segretezza intorno all’adozione della Legge sul Servizio Alternativo. "Il disegno di legge è top secret e non è mai stato discusso pubblicamente", ha detto Eldar Zeynalov, capo del Centro dell’Azerbaigian per i Diritti Umani con sede a Baku, al Forum 18 il 14 maggio.

La Corte del Distretto di Geranboy nell’Azerbaigian occidentale ha condannato Huseynov nell’ottobre 2007 a dieci mesi di imprigionamento per aver rifiutato il servizio militare per motivi di coscienza religiosa sotto l’articolo 321.1 del Codice Penale. E’ stato trasferito alla Colonia Penale n. 16 nel sobborgo Bina di Baku a gennaio.

Huseynov ha fallito nel suo primo appello, ma ha quindi sfidato la sua condanna alla Corte d’Appello Regionale di Gyanja. E’ stato portato da Baku a il 14 aprile davanti all’udienza in appello, la quale è iniziata una settimana o poco dopo il suo trasferimento. Quell’appello non è riuscito, ma gli è stato concesso un altro appello più breve successivamente, il quale si è tenuto il 1° maggio. "I tre giudici hanno dedicato appena venti minuti ad ascoltare l’appello", ha detto al Forum 18. "Uno di loro allora mi ha detto che il mio appello era stato respinto ma che sarei stato rilasciato, senza spiegare il perchè".

Ha detto che il suo avvocato aveva ricevuto una copia del testo della sentenza della Corte d’Appello e glielo ha passato il 13 maggio. Il verdetto scritto ha respinto il suo appello riguardo al fatto che l’originale sentenza fosse rovesciata, ma decretava che sarebbe stato rilasciato prima possibile in quanto la condanna a dieci mesi era troppo severa.

Huseynov ha detto che l’anno scorso all’Ufficio Militare di Leva era stato insultato quando aveva dichiarato che non poteva prestare servizio nelle forze armate a motivo della sua fede. Ma spiega che in linea generale era stato trattato bene durante il suo imprigionamento e non è stato picchiato. Ha detto che il capo della Colonia Penale n. 16 aveva chiesto perché fosse stato imprigionato. "Gli ho detto che sono un Testimone di Geova ed era molto interessato a saperne in merito a noi", ha detto Huseynov al Forum 18. "Mi ha trattato con rispetto".

Tuttavia, Huseynov ha aggiunto che ciò non ha impedito al capo della colonia penale di metterlo nella lista dei prigionieri pericolosi, richiedendogli di firmare ogni ora tra le 7 di mattina alle 10 di sera alle guardie di prigione. "Non avevano motivo di fare questo", ha insistito. "E c’era sempre il pericolo che se tu firmi in ritardo verrai punito". Ha detto che è stato rinchiuso in una cella per 12 prigionieri, la quale spesso ne contiene circa 13 o 14.

Huseynov ha detto che non sa se le autorità militari proveranno di nuovo a coscriverlo.

La comunità dei Testimoni di Geova di Dalmamedli ha visto diverse volte le proprie adunanze soggette ad irruzioni da parte della polizia, ha riferito Huseynov. "In varie occasioni hanno interrotto le nostre adunanze e lo studio della Bibbia, parlandoci in maniera assai volgare". Ha detto che nel giugno 2007 diversi Testimoni di Geova locali erano stati multati, hanno protestato contro di loro e non sono stati pagati. Ha detto che la comunità locale non è stata attaccata nel 2008.

Tuttavia, in altre zone dell’Azerbaigian sono continuate nel 2008 le irruzioni nelle comunità dei Protestanti e dei Testimoni di Geova.


{Note della Redazione Cristiani Testimoni di Geova.net}



La Repubblica dell’Azerbaigian, situata nel continente euroasiatico, confina a nord con la Russia, con il Mar Caspio a est, a sud con l'Iran, a ovest con la Turchia e l'Armenia e con la Georgia a nordovest.
La regione di Nagorno-Karabakh ed altre sette province, sono sotto l'occupazione militare delle forze armate armene dalla fine di Guerra di Nagorno-Karabakh.
L'Azerbaigian è una repubblica laica ed unitaria con la democrazia emergente. La popolazione è composta principalmente da azeri, che parlano l'azero, riconosciuto ufficialmente e sono per la maggioranza di religione musulmana sciita, con consistenti minoranze di religione cristiana ed ebraica.


Rapporto dall'annuario 2008:

Azerbaigian:

    Popolazione: 8.406.000
    Proclamatori: 670
    1 Proclamatore su: 12.546
    2007 Media Proclamatori: 608
    Percentuale d'aumento: 12%
    Battezzati anno 2007: 29
    Numero di congregazioni: 6
    Media Studi biblici: 1.088
    Presenti Commemorazione: 1.523






fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito Forum 18, in data 14 maggio 2008, da parte del giornalista Felix Corley, sezione News (http://www.forum18.org)

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net