Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


I Testimoni di Geova vogliono essere riconosciuti come religione





Kärnten conta 3000 Testimoni di Geova. L’associazione spera in un riconoscimento come religione. Fino ad ora l’associazione viene da molti considerata una setta e i loro punti di vista e metodi vengono messi in discussione.

“Comunità assomigliante ad una setta”
Questo fine settimana i Testimoni di Geova terranno a Klagenfurt un’assemblea dove verrà data risposta alle recenti domande inerenti le loro credenze. Da alcuni mesi è già in corso il procedimento per il riconoscimento come religione dallo Stato dell'Austria, dato che i Testimoni di Geova sono registrati già da 10 anni come associazione religiosa.

Molti critici parlano di una forte pressione fatta sugli appartenenti ai Testimoni di Geova. Uno dei critici è Lambert Jaschke della diocesi di Klagenfurt: “È sicuramente una comunità assomigliante ad una setta, la quale crea sempre conflitti”.

L’associazione è una comunità chiusa con un sistema elitario, dice Jaschke “.. in quanto i bambini non possono prendere parte a varie attività scolastiche, a cosiddette feste pagane come il Natale, ma neppure a feste come compleanni, le quali portano ad un isolamento dal campo sociale”.

“Vivere secondo principi biblici”
I loro figli parteciperebbero ad altre feste, come spiega Karl Biber membro dei Testimoni di Geova di Kärnten: “Siamo noti per il fatto che cerchiamo di vivere secondo i principi esposti nella Bibbia. Ad alcuni non va giù, bisogna ammetterlo. Esistono molte religioni, le quali hanno come principale libro di studio la Bibbia, ma i cui appartenenti non seguono”.

Alquanto discutibile è il rifiuto alle trasfusioni di sangue. Quando viene a verificarsi un’emergenza nei figli dei Testimoni di Geova, lo Stato interviene, dice Lambert Jaschke della diocesi: “Viene tolta in parte ai genitori la patria potestà e l’affidamento viene dato al tribunale dei minori. In questo modo viene effettuata la cura, perché al primo posto nella legge in Austria c’è il benessere dei figli”.

Alternative al sangue
Karl Biber risponde alla domanda sul perché viene rifiutato il sangue come medicina: “Esistono altri trattamenti. Ci sono statistiche, le quali confermano che rifiutando il sangue non solo la mortalità è minore ma è più breve il tempo di ricovero in ospedale. Quest’ultimo risulta essere anche un bel risparmio per le spese ospedaliere sia per il paziente che per la struttura stessa”.

Quando un Testimone di Geova si trova veramente faccia a faccia con la morte e ugualmente rifiuta come cura il sangue, dalle parole si passa ai fatti duri [da affrontare]. I membri portano sempre con se la dichiarazione di volontà relativa alle cure mediche, affinché in casi di emergenza non vengano sottoposti ad uso del sangue.

Il fatto che l’associazione dei Testimoni di Geova compia un’opera molto missionaria, lo conferma anche Karl Biber: “Indipendentemente dalla religione o dai punti di vista che hanno le persone, a noi non interessa. Noi parliamo a tutti senza pregiudizio”.

I Testimoni di Geova sperano di ricevere presto il riconoscimento dallo stato come religione. Per i membri l’opera sarebbe più facile e l’associazione pagherebbe meno tasse. Da Vienna si comunica la rinuncia riguardo al diritto di ricevere sovvenzioni per la chiesa ed al tenere lezioni di religione nelle scuole.



fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito "kaernten", in data 27 aprile 2008, rubrica "Karnten News" (kaernten.orf.at)

© Traduzione a cura della Redazione Cristiani Testimoni di Geova .net