Benvenuto Ospite
 username
 password
Vuoi essere sempre aggiornato?

Sottoscrivi la nostra Newsletter!
Prima Pagina
Scopo del sito
Notizie dal Mondo
L'Editoriale
Aneddoti ed aforismi
Letture e filmati consigliati
Gallerie fotografiche
Privacy
Per avere risposta alle domande poste con maggiore frequenza leggi le nostre FAQ e lo scopo del sito.
Se non trovi la risposta alla domanda che cercavi proponila alla redazione.

Site purpose in
English.
Elenco di siti partner e di siti consigliati dalla redazione di Cristiani Testimoni di Geova.net.

Vai alla pagina dei Links.
Pagine Viste
Pigine Viste
 
 


Follonica: Completato il luogo di riunione dei Testimoni di Geova

Ecco la «Sala del Regno» del Golfo

FORMANO una comunità di 230 persone, e ora hanno anche una propria «Sala del regno» che ha appena ospitato la cerimonia di dedicazione. Sono i Testimoni di Geova del Golfo. Per l’occasione, Follonica ha riunito le tre congregazioni: Follonica Est, Follonica Ovest e Gavorrano, assieme ai simpatizzanti (due addirittura dalla Germania, ma follonichesi per anni, i coniugi Horst e Hannelore Schawohl) e a Roberto Franceschetti e Paolo Piccioli della Congregazione di Roma.

DOPO IL BENVENUTO di Pietro Corapi, il presidente dell’Associazione dei Testimoni di Geova di Follonica, Enzo Stirpe, ha ripercorso le tappe dello sviluppo dell’opera da quarant’anni fa ai giorni nostri. Di seguito, Enzo Di Furia ha illustrato i lavori di costruzione della Sala del regno (compresi gli intralci e gli inconvenienti tecnici e burocratici). «Va ricordato — spiegano — che questo elegante complesso è stato realizzato con le contribuzioni volontarie dei Testimoni locali integrate da contributi finanziari da parte del comune di Follonica. Per questo va menzionata la sensibilità mostrata dagli amministratori pubblici locali e dai tecnici comunali nel venire incontro alle esigenze di una minoranza». A pronunciare il «discorso di dedicazione» della Sala del regno, in conclusione della cerimonia, è stato Roberto Franceschetti della Congregazione di Roma. «E’ un luogo di adorazione dedicato a Geova — ha detto — che acquista valore agli occhi di Dio non tanto per la maestosità dell’edificio, quanto per la purezza dell’adorazione che vi si pratica e dalla coerenza di condotta di coloro che lo frequentano».



fonte

Questo articolo è stato pubblicato sul sito "Provincia di Grosseto", in data 10 giugno 2008, sezione "La Nazione", rubrica "Altro" (www.provincia.grosseto.it)